Il telegiornale delle belle notizie

educazione alla convivenza civile scuola primaria
maestraemamma
pushbar_segui_iscriviti_newsletter

Educare al cuore, comunicare “buone notizie”

 

Durante queste vacanze ho deciso di far un pochino di ordine nei miei mille appunti e fra le varie fotocopie relative al materiale didattico che utilizzo per le lezioni. Fra i molteplici fogli ho trovato una scheda relativa al “Telegiornale delle buone notizie” ed ho deciso di condividerne l’idea sul blog.

L’obiettivo di questa attività è quello di favorire l’attenzione e l’ascolto e, nel contempo, quello di agevolare e migliorare la capacità di esprimersi anche nei bambini più timidi.

Ma come proporlo in classe?

Spiegate ai bambini che, per una volta, trasformerete il telegiornale in una fonte di notizie solo positive.

Gli alunni dovranno pensare in silenzio ad una buona notizia e, dopo averlo fatto, si dovranno mettere in fila.

In uno specchio immaginario si sistemeranno i capelli, la cravatta o il rossetto e quando tutti saranno pronti, accenderete una telecamera immaginaria.

Un bambino alla volta, rivolgendosi a tutti, si presenterà, darà la buona notizia (solo una) dicendo:

Buongiorno, sono … e la bella notizia che vi voglio raccontare è la seguente …

Potete proporre il seguente brano:

Quante notizie arrivano dal mondo,

sì, ogni giorno, dai telegiornali!

 

Tzunami, incendi, cupe alluvioni …

 

rapine, guerre, frodi, aggressioni,

scippi e perfino tetre uccisioni.

 

Possibile ci siano soltanto 

tutte queste disgrazie e cattiverie?

 

Sembra che, quasi quasi, il mondo stesso 

sia giunto alla soglia del finire!

 

Allora è proprio ora 

che arrivi sul canale

 

un bel telegiornale 

fatto con famosa 

“mezza bottiglia piena”.

 

Quante buone notizie ci attendono 

se noi sappiam guardare per bene! 

 

C’è la mamma che, dopo una sgridata,

ti accoglie fra le braccia

 

perchè ti ha perdonata…

 

forse c’è anche un bel cagnolino che ti segue, vicino 

 

o c’è un fratellino

con cui far la pace,

dopo uno sgambettino

 

o un’occhiata mordace.

 

E allora, perchè no?

 

Facciamo anche noi

 

un bel telegiornale

 

senza notizie amare

 

che si possa gustare

 

come un buon cioccolato!

 

Fonte: “Giocayoga Un’antica disciplina per crescere sani e felici divertendosi” di Lorena Pajalunga

 

Puoi acquistare il libro da cui è tratto il brano qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *