Supplenze a.s.2016/17, modello di domanda messa a disposizione fuori graduatoria. Domande e risposte

Impara una lingua con Babbel: é facile, divertente e conveniente, provalo subito!
Carta del docente
maestraemamma

Cerchiamo di fare chiarezza sulla Mad (messa a disposizione del personale della scuola fuori graduatoria)

L’anno scolastico sta per cominciare e in questi giorni, tra immissioni in ruolo, trasferimenti e aggiornamento delle Graduatorie d’Istituto, gli organici stanno prendendo forma.

Questo è il momento per inviare la candidatura come supplente.

1. Che cos’è la domanda di messa a disposizione denominata anche Mad?

La domanda di Messa a disposizione (MAD) è uno strumento previsto dalla normativa del mondo scuola per poter candidarsi per supplenze a posti vacanti in tutte le scuole Italiane.

La messa a disposizione (MAD) è un’istanza informale, che può essere presentata in tutti gli Istituti scolastici italiani per candidarsi alla nomina di supplenza, in qualità di Docente, Assistente Tecnico, Assistente Amministrativo, Collaboratore scolastico e altri mestieri meno diffusi.

libri di scuola
Letture estive
cartoleria genarale

2. Quali sono i requisiti per inviare la domanda di messa a disposizione?

Per inviare la domanda di messa a disposizione è importante avere un titolo di studio abilitante.

Come ormai tutti sanno esistono tre fasce:

  • prima fascia mad sono presenti i docenti che sono abilitati all’insegnamento. Questi ultimi sono anche iscritti alla graduatoria ad esaurimento di una specifica provincia;
  • seconda fascia mad sono presenti i docenti abilitati all’insegnamento ma che non rientrano nelle graduatorie ad esaurimento provinciali;
  • terza fascia mad sono presenti i docenti non abilitati, ma con il titolo di laurea magistrale o specialistica. In questa fascia spesso si inseriscono gli aspiranti docenti con titoli affini.

A volte, i Dirigenti Scolastici, avendo esaurito tutte le graduatorie convocano, tramite MAD, anche docenti con titolo affine e, quindi, senza abilitazione.

N.B. Con la messa a disposizione non ci si candida per un posto di ruolo, ma solo per una supplenza. 

3. Quando conviene inviare la messa a disposizione?

 

Spesso gli istituti si trovano in difficoltà per la mancanza di personale e cercano di sopperire attingendo dalle liste di coloro che si sono proposti mediante messa a disposizione. Non esiste una data definita ma i momenti migliori per inviare i moduli della domanda sono:

  • prima dell’inizio anno scolastico (tra il 10 e il 20 di agosto);
  • nei periodi di chiusura dove organizzano i corsi di recupero (dopo la pausa delle vacanze di Natale e dopo la fine dell’anno scolastico per i corsi di recupero).

4. Come inviare la messa a disposizione?

 

La domanda di messa a disposizione va inviata alla scuola dove si vuole lavorare tramite uno dei seguenti canali:

  • consegna a mano;
  • raccomandata a/r;
  • email all’indirizzo PEC.

Molto importante la MAD deve essere inviata alla sede dell’Istituto, dove si trova il Dirigente Scolastico.

Non esistono limiti o divieti per quel che concerne il numero di scuole o province a cui inviare la domanda. Si raccomanda di specificare i propri dati personali e i recapiti telefonici. Utile anche inviare un indirizzo email personale per aumentare la possibilità di essere reperibili. Indispensabile inserire anche la classe di concorso a cui si è abilitati o per la quale ha titolo ad insegnare, l’università e la data in cui è stato conseguito il titolo.

Esempio di messa a disposizione:

 

 

 

 

Al Dirigente Scolastico
scuola/istituto
località

Oggetto: domanda di messa a disposizione per supplenze di docente per l’a.s._______________

_ l _ sottoscritt_ ______________________________________________________________
nat_ a ________________________________ Prov. _____ il ___/___/_____ e residente
a _______________________________ in via ____________________________________;
consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso di
atti falsi, richiamate dall’art. 76 del D.P.R. 28/12/2000 n.445, così come modificato e integrato
dall’art. 15 della Legge 16/1/2003 n.3;
dichiara
 di essere cittadino/a italiano/a;
 di godere dei diritti civili e politici;
 di essere nella seguente posizione agli effetti e adempimenti degli obblighi militari:
_____________________________________________________________________________;
 di possedere il seguente titolo di studio: ________________________________________
__________________________________________ conseguito il ______________________
presso ______________________________________________________________________;
indicare, nel caso fosse necessario, gli esami superati nel corso di laurea __________________
_____________________________________________________________________________
_____________________________________________________________________________;
 di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che
riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti
amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della normativa vigente;
 di non essere sottoposto a procedimenti penali;
 di essere disponibile a stipulare un contratto a tempo determinato presso codesta istituzione
scolastica per l’insegnamento, ovvero gli insegnamenti, di
________________________________________________________________________

 

Allegare:

  • titolo di studio
  • esperienza pregressa
  • indirizzo
  • recapito telefonico
  • email

Ti può interessare anche:

E’ possibile insegnare in una scuola paritaria senza abilitazione?

Infortunio a scuola e accompagnamento dell’alunno sull’ambulanza da parte del docente

Genitori ritardatari: cosa fare quando manca il genitore all’uscita da scuola?

Scuola e sicurezza

Perchè non è possibile mandare un alunno fuori dalla porta

Si possono dare compiti per lunedì?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *