DETTATO ORTOGRAFICO: varie difficoltà divise per classe

foto_dettato-ortografico-suono-gn-classe-seconda-e-terza
pushbar_segui_iscriviti_newsletter
maestraemamma

 

Dettato ortografico classe prima – mese di aprile – scuola primaria

 

Il dettato è composto da una serie di frasi.

Il dettato non deve durare più di 15 minuti. Dettare lentamente scandendo bene le parole.

Il simbolo \ indica le pause proposte nella dettatura.

Se avete in classe alunni stranieri verificate che conoscano il significato dei termini prima di dettarli. Presentate un foglio ai bambini con le parole che utilizzerete nel dettato e chiedete loro di mettere un puntino accanto a quelle che non comprendono. In questo modo potrete spiegargliele e, magari, mostrare un’immagine che le rappresenti.

Se sono presenti alunni con difficoltà d’apprendimento, aiutate i bambini con alcuni esercizi di decodifica percettiva e di rinforzo prima di presentare il dettato.

 

LE \ AMICHE \ FORMICHE \ SUONANO \ LA \ CHITARRA.

LA \ GIRANDOLA\ GIRA \ VELOCE.

DISEGNO \ UN \ CUORE \ SUL \ QUADERNO.

LO \ SCIATORE \ SCENDE \ VELOCE.

Dettato ortografico: suono GN 

Dettato ortografico per rinforzare le difficoltà ortografiche legate al suono GN. Adatto per i bambini di classe seconda e terza di scuola primaria.

Allo stagno

Questa mattina Agnese si è recata allo stagno ed ha visto un ragno che galleggiava su una foglia di castagno. Dopo poco ha sentito un rumore e in lontananza ha osservato una strana coppia composta da un cigno e da un anatroccolo che giocherellavano con una piccola pigna. Vicino alla riva dello stagno alcune formiche camminavano velocemente su una montagnola di sabbia. Agnese era felice e sorridente.

Dettato ortografico: suono SC 

Dettato ortografico per rinforzare le difficoltà ortografiche legate al suono SC. Adatto per i bambini di classe seconda e ma anche a quelli di classe terza di scuola primaria.

 

Una mattina speciale

Questa mattina sulle piste da sci uno sciatore, con sciarpa e berretto e un paio di sci colorati, scende velocemente da una pista innevata.

Il cielo è rischiarato da una scia luminosa.

Decido di pattinare e scivolare su una spessa lastra di ghiaccio. Un camoscio esce guardingo dal suo nascondiglio.

Vedo in lontananza la cascina dello zio e penso che, dopo aver pattinato, andrò a pranzo a casa sua.

Dettato ortografico CHI e CHE 

Dettato ortografico per rinforzare le difficoltà ortografiche legate ai suoni CHI e CHE. Adatto per i bambini di classe seconda e ma anche a quelli di classe terza di scuola primaria.

La giornata degli animali

Michele è un bambino speciale: ama tutti gli animali anche i più pericolosi come i ghepardi e adora tutti gli insetti.

Oggi osserva una chiocciola avanzare piano piano tra le zucchine verde chiaro. Pensa: “Piacerebbe tanto a Chiara”.

Ad un tratto  vede alcuni bruchi e posa accanto a loro delle foglie di radicchio per fargliele rosicchiare perché tutti gli insetti ne sono ghiotti.

Decide di andare in casa dalla sorella Chiara e le dice: “Prepara qualche chicco di granoturco, possiamo darlo alla chioccia così lo può beccare”.

La mamma sospira: “Per fortuna non viviamo in un circo: dormirebbe abbracciato ai leoni”.

Dettato ortografico: suono GL 

Dettato ortografico per rinforzare le difficoltà ortografiche legate al suono GL. Adatto per i bambini di classe seconda di scuola primaria.

 

RISVEGLIO

E’ un mattino di luglio.

Il coniglio Guglielmo dorme pacificamente sotto un tiglio.

A un tratto il raglio di un asino della fattoria vicina lo sveglia.

Apre gli occhi, distende le zampe e spicca un salto in mezzo a un campo di miglio.

Rimane lì, immobile, alcuni istanti e poi, di corsa, raggiunge il pagliaio.

Piglia un filo di paglia e di gusto lo divora.

 

  

 

Dettato ortografico (classe quarta e quinta)

 

Dettato ortografico adatto agli alunni di classe quarta e quinta di scuola primaria con varie difficoltà ortografiche.

La gatta Tramonto

Sui tetti della mia città, c’è una gatta che non dorme mai perché è innamorata

del sole e lo segue tutto il giorno.

Il suo pelo al mattino è color oro chiaro, come il sole all’alba.

A mezzanotte diventa luminosa, come il sole quando è alto.

Quando si avvicina l’ora del tramonto, e il sole comincia a calare,

lei sale in fretta sul tetto del grattacielo più alto

e là rimane a guardare il sole.

E il suo pelo si fa rosso, com’è rosso il tramonto.

Poi il sole sparisce … ma il suo ultimo raggio

è rimasto negli occhi della gatta.

Per conservare per sè l’ultimo raggio di sole.

E io l’ho chiamamata Tramonto …

tratto e adattato da G. Quarenghia 

Dettato ortografico per la classe quinta – mese di ottobre –

Di seguito un dettato ortografico per la classe quinta di scuola primaria. Può essere utilizzato anche come prova di valutazione da assegnare alla fine del mese di ottobre.

In questa classe il dettato deve avere una durata di circa 30 minuti. Se non si conclude in questa unità di tempo è consigliabile comunque finire.

Il dettato ortografico per questa classe, deve contenere parole complesse anche a bassa frequenza d’uso.

Naturalmente sono permesse le spiegazioni che permettono al dettato di divenire per ogni alunno uno strumento per apprendere insieme ai compagni.

Utilissima la correzione all’interno di un lavoro di autocontrollo o di cooperative learning fra pari.

Che fifa!!!

Era una piovosa sera d’ottobre. Fuori dalla finestra la pioggia sgocciolava monotona. Plic, plic, plic …

Buttai distrattamente uno sguardo fuori e per un attimo, solo per un attimo …, mi parve di vedere un muso di fantasma che mi stava spiando.

Io sobbalzai spaventato: – Squiiit! -.

Improvvisamente si spensero le luci! Aprii il cassetto della scrivania per prendere la candela che conservo in caso di emergenza ma … intravidi qualcosa di luminoso in fondo al cassetto. Rabbrividendo allungai una zampa e vide … un teschio che brillava nel buio …

Balzai in piedi in tutta fretta e corsi fuori nel corridoio, ma una forma bianca fece capolino da dietro l’angolo e urlò: – Buuuuuuh!!! -.

Io corsi a perdifiato urlando. Svoltai l’angolo e mi trovai di fronte uno scheletro fosforescente che alzando un dito ossuto disse: – Dolcetto o scherzetto?-

Stavo per svenire dalla fifa quando improvvisamente si accese la luce e il muso di mio cugino Trappola mi si parò davanti dicendo: – Ti sei preso una bella strizza???- .

Da Geronimo Stilton, “Halloween … che fifa felina!”, Edizioni Piemme

Dettato ortografico classe quarta e quinta – mese di maggio – scuola primaria

In classe quarta e quinta di scuola primaria il dettato deve avere una durata di circa 30 minuti. Se non si conclude in questa unità di tempo è consigliabile comunque concludere.

Il dettato ortografico per queste classi, deve contenere parole complesse anche a bassa frequenza d’uso.

Naturalmente sono permesse le spiegazioni che permettono al dettato di divenire per ogni alunno uno strumento per apprendere insieme ai compagni.

Utilissima la correzione all’interno di un lavoro di autocontrollo o di cooperative learning fra pari.

 

Un paesaggio da sogno

 

Il lago aveva la forma di una goccia che si restringeva nella parte inferiore, formando lo sbocco di un piccolo fiume. Non era molto grande, ma invitante e suggestivo.

Le rive erano circondate da fitte foreste verdi che salivano fino ai piedi delle pareti grigie di una maestosa catena montuosa circondata di nubi.

Sotto gli alberi la vegetazione primaverile era punteggiata di fiori dai vari colori.

L’acqua proveniente dal disgelo dei ghiacciai affluiva nel lago attraverso piccoli torrenti carichi di minerali che davano all’acqua una limpida venatura verdazzurra.

Il cielo che lo sovrastava era screziato di nuvole in rapido movimento che si specchiavano nell’acqua, tingendosi di un pallido riflesso turchese.

 

Tratto da “Alta marea” – Clive Cussler – Longanesi

         

 

 

Ti può interessare anche:

Dettati ortografici

Il libro dei dettati: utile risorsa per insegnanti e genitori

Le difficoltà ortografiche

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *